The Tree of Life e altre visioni…

In effetti, parlare di “visioni” è decisamente corretto quando si cerca di raccontare l’esperienza cinematografica uscita dalla mente di Terrence Malick.

L’ho visto circa una decina di giorni fa e ne parlo solo ora, dopo averlo metabolizzato un po’. Nel frattempo il film ha vinto Cannes. Trovo curioso che su The Tree of Life vi sia stata sostanzialmente una divisione netta (o quasi) fra i critici classici (quelli che scrivono sui giornali o che disquisiscono alla radio) e quelli moderni, che discutono online sui vari forum-portali-blog. I primi a lodare incondizionatamente l’ultima opera del maestro americano, i secondi a ridimensionarne la portata e a mettere in dubbio l’eccezionalità dell’evento.

Indovinate un po’ da che parte sto?

Tecnicamente Malick è un mostro. Al pari di Kubrick, tanto per capirci. Però a mio avviso la scelta stilistica che ha iniziato ad adoperare a partire dal capolavoro (quello sì) “La sottile linea rossa” non si adatta ad ogni situazione, ad ogni storia, ad ogni concetto, con la stessa efficacia. Me n’ero accorto già durante la visione di The New World. Per quanto straordinarie fossero le immagini della natura incontaminata (insieme a Peter Weir e John Boorman, Malick è probabilmente uno dei migliori registi capaci di ritrarre la natura nella sua vera essenza), l’utilizzo eccessivo della voce sussu(na)rrante e di musiche ancestrali a rischio new age, mi avevano lasciato l’amaro in bocca e non ero riuscito ad apprezzare quello che potenzialmente poteva trasformarsi in un gran film ma che alla fine era diventato un polpettone filosofico su Pocahontas.

The Tree of Life, purtroppo, continua su questa strada. E, a tutto questo, aggiunge un ulteriore pericolosissimo ingrediente: la presunzione. Nel senso che esagera, ambisce a raccontare l’irraccontabile, il microcosmo (la vita quotidiana di una famiglia negli anni ’50) in relazione con la nascita dell’universo (!). I ricordi, la memoria, la vita che scorre come un fiume, la nostalgia, la crescita, la vita. Ogni breve attimo di ogni brevissima vita su questo pianeta è riconducibile all’universo, alla natura che ci sovrasta e che ci guida verso il futuro.

Malick ci prova. E qualche volta ci riesce pure. Il film non è da bocciare in toto. Anzi. Ma spesso e volentieri diventa noioso, didascalico, ripetitivo. Come la vita, certo. Però questa similitudine non aiuta il film, tanto meno la sua fruibilità durante la visione.

Per uscire dall’universo ovattato di Malick avevo bisogno di immergermi in un sano b-movie d’autore che risolvesse in maniera spiccia i problemi del mondo. Ecco perché la mia scelta è caduta su Essi Vivono.

Carpenter è stato per molti anni uno dei miei registi preferiti e ancora oggi lo considero un grande. E non può essere altrimenti: chi altro avrebbe realizzato un film così “comunista”, così anarchico, così terribilmente premonitore. E, per giunta, nel pieno degli anni ’80. Attualissimo nelle tematiche, Essi vivono è invecchiato molto bene anche per quanto riguarda la regia. Il suo è uno stile classico, tradizionale (Carpenter predilige campi lunghi, piani sequenza per nulla vertiginosi, interpretazioni asettiche e libere da qualsiasi gigionismo), che funziona ancora oggi con la stessa potenza dell’epoca in cui è uscito.

A questo si aggiungono poi le tipiche musiche carpenteriane che fanno da filo conduttore emozionale per tutta la durata del film e degli effetti speciali a dir poco artigianali ma pienamente efficaci.

Un’opera non priva di numerose ingenuità ma che contemporaneamente diverte e fa riflettere. E io, chiamatemi scemo, fra il cinema “alto” dell’ultimo Malick e quello “basso” del Carpenter anni ’80, preferisco di gran lunga quest’ultimo: povero ma pieno di idee intelligenti e alla portata di (quasi) tutti.

Ci sono due vie per affrontare la vita: la via della natura, e la via della grazia.” (tratto da “The Tree of Life”)

Raccomandate l’anima al vostro creatore, sono venuto ad annientarvi. Anche perché ne ho le palle piene.” (tratto da “Essi vivono”)

Annunci

8 pensieri su “The Tree of Life e altre visioni…

  1. casualmente, anch’io oggi (ora) ho postato la rece di Malick, anch’io a distanza di un pò di giorni, ho avuto bisogno di metabolizzarlo e devo dire che se all’uscita della sala ero vicino alla tua posizione, poi il film mi è cresciuto dentro. ne riconosco le pecche ma rimane un gran film.

    per essi vivono ti quoto in toto, uno dei miei carpenter preferiti, grandissimo b-movie anni 80 con trovate intelligenti

  2. grandissimo carpenter, essi vivono è stato tra i suoi film più sfortunati ma anche tra i suoi migliori. Bella la metafora della critica della società americana ossessionata dal consumismo, geniale l’idea degli occhiali da sole che rivelano gli alieni-zombie!
    PS: a proposito di carpenter, ho ripreso la mini-rubrica a lui dedicata sul mio blog!

  3. Ho visto il film di Malick e non sono d’accordo con te. Soprattutto per quello che riguarda la sua presunta presunzione. Molti poeti (e altri artisti) si sono cimentati nella descrizione della vita, della morte, del tutto, etc c’è chi c’è riuscito e chi no, ma si valuta questo, non il fatto di averci provato. Il discorso è lungo, ma Malick credo stia tentando una via come fece qualche anno fa Lync con Inland Empire (che mi piacque), anche se per quanto lo riguarda c’è il legittimo sospetto che ci stesse pigliando tutti per il sedere. E poi, era da Syneddoche NY che non si vedeva (o almeno io non ho visto) un tentativo così serio di (ti cito) cineddoche. Ne parliamo se ci vediamo, mi interessa la demolizione controllata di un regista che io ammiro (anche Pochaontas, si, il suo film forse peggiore ma che mi ha lasciato a bocca aperta).
    Ti seguo sempre con interesse.
    Ciao.
    Alvise.

  4. Sono con te su Malick, completamente e soprattutto sulla presunzione.
    Non ho visto gli altri film ma cercherò la sottile linea rossa che conoscevo e non sapevo fosse stato girato da lui.

    Spesso i critici su quotidiani e riviste sono abbastanza “venduti” alle case di produzione!

  5. vabbe’, l’ultimo malick è per me un film epocale. se ci capita qualcosa di paragonabile nei prossimi cinque anni ci va di lusso. e condivido molte delle critiche su new world, per quanto nelle visioni successive abbia rivalutato soprattutto la seconda parte. è vero che le ambizioni di tree of life sono enormi, ma siamo fortunati ci sia ancora un regista che sia capace di darsele, queste ambizioni, e di soddisfarle, perché è un film che restituisce al cinema una dimensione artistica che rasenta l’onnipotenza. devo anche dire che le panzane più grosse, su questo film, le ho lette sulla critica “ufficiale”, a volte irridente rispetto un autore che a prescindere merita rispetto, cosa invece accordata quasi sempre sul web (anche qui), spesso più competente e innamorato del cinema. in tutt’altro campo, quello di carpenter è un gran film.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...